MondoQueer
rassegna stampa
clicca sul logo per tornare alla prima pagina


La Repubblica
22 dicembre 1999

Murato il circolo Arcigay di Bologna

Intimidazione anonima contro gli "omo". "Siamo nel mirino di gruppi nazi"

Bologna - Due metri di mattoni e malta. Un muro per ostruire la porta di via Saragozza a Bologna, il Cassero, sede nazionale di Arcigay e Arcilesbica. Sulla parete, un cartello volgare e offensivo, senza firme o sigle, contro gli omosessuali. Il muro provocatorio è stato eretto durante la notte di lunedì. Per Sergio Lo Giudice, presidente nazionale Arcigay, è "un gravissimo atto intimidatorio". Sotto accusa, la giunta comunale guidata dal sindaco Guazzaloca, "che non ci ha dato alcun segno di apertura". Franco Grillini, presidente onorario di Arcigay e presidente della commissione nazionale per i diritti degli omosessuali nella commissione pari opportunità, ha commentato: "Le organizzazioni omosessuali sono nel mirino di gruppi neonazisti". A Bologna Arcigay e Arcilesbica contano circa 5300 soci. In tutta Italia sono 85000.


Il Resto del Carlino
21 dicembre 1999

Intolleranza a Bologna, murata la sede dell'Arcigay

Bologna - Due metri di mattoni e malta. Un muro per ostruire la porta del civico 2/a di via Saragozza, il cassero, sede nazionale di Arcigay e Arcilesbica. Sulla parete, un cartello volgare e offensivo, senza firme o sigle, contro gli omosessuali. Il muro provocatorio è stato eretto durante la notte e stamane i gestori del circolo hanno avvertito il 113. Sono intervenuti anche Digos e polizia scientifica, che hanno sequestrato il cartello. Nessuno nella notte avrebbe visto nulla, ma Velina Vecchi, la fioraia che lavora nella postazione ambulante di porta Saragozza, stamane, quando ha aperto alle 6,30, ha notato un secchio di malta e i mattoni. Il circolo lunedì notte ha chiuso verso le 2,30. Franco Grillini, presidente onorario di Arcigay e presidente della commissione nazionale per i diritti degli omosessuali nella commissione pari opportunità, ha parlato con i giornalisti: "Potrebbe essere anche una goliardata - ha detto - ma è indubbio che in questo periodo le organizzazioni omosessuali sono nel mirino di gruppi neonazisti, e che un fatto come questo assume un connotato politico preciso quando si tocca il cassero, da anni nervo scoperto nel conflitto con le forze conservatrici di questa città. Mi chiedo come sia possibile edificare un muro senza che nessuno veda nulla, ma mi rendo anche conto che un episodio del genere ha anche una lettura positiva. Il movimento omosessuale ha conquistato visibilità e influenza e questo dà fastidio".


MondoQueer" e' una iniziativa senza scopo di lucro. Sono graditi contributi, articoli e segnalazioni.